Assistenza per il Prestito di 25.000€ garantito al 100% dallo Stato

Condizioni per richiedere il prestito

L’impresa beneficiaria, alla data del 31 dicembre 2019, non deve essere classificata nella categoria delle imprese in difficoltà, secondo la definizione comunitaria; quindi non in sofferenza. Inoltre, alla data del 29 febbraio 2020, non deve avere nei confronti del settore bancario esposizioni deteriorate, secondo la definizione della normativa europea.

Finanziamenti ammissibili

Sono coperti dalla garanzia SACE i finanziamenti erogati entro il 31 dicembre 2020, di durata non superiore a 6 anni, con la possibilità per le imprese di avvalersi di un preammortamento di durata fino a 24 mesi.

L’ammontare del finanziamento assistito da garanzia non può essere superiore al maggiore tra i seguenti importi:

Sono ammissibili alla garanzia del Fondo, con copertura al 100 percento sia in garanzia diretta sia in riassicurazione, i nuovi finanziamenti in favore di PMI e di persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni la cui attività d’impresa è stata danneggiata dall’emergenza COVID-19 come da dichiarazione autocertificata, purché tali finanziamenti prevedano:

  • l’inizio del rimborso del capitale non prima di 24 mesi dall’erogazione e una durata fino a 72 mesi;
  • un importo non superiore al 25 percento dell’ammontare dei ricavi del soggetto beneficiario, come risultante dall’ultimo bilancio depositato o dall’ultima dichiarazione fiscale presentata alla data della domanda di garanzia ovvero, per i soggetti beneficiari costituiti dopo il 1° gennaio 2019, da altra idonea documentazione, come autocertificazione (comunque, non superiore a 25.000,00 euro)

Destinazione del finanziamento

Il finanziamento coperto dalla garanzia deve essere destinato a sostenere costi del personale, investimenti o capitale circolante impiegati in stabilimenti produttivi e attività imprenditoriali che siano localizzati in Italia, come documentato e attestato dal rappresentante legale dell’impresa beneficiaria.

Documenti da inoltrare preferibilmente tramite PEC

  1. Autodichiarazione che l’impresa è stata danneggiata dall’emergenza Coronavirus a causa della chiusura dell’attività.
  2. Ultimo bilancio depositato o ultima dichiarazione fiscale presentata alla data della domanda di garanzia ovvero, ( Dichiarazione 2018.)per i soggetti beneficiari costituiti dopo il 1° gennaio 2019, da altra idonea documentazione, come autocertificazione (comunque, non superiore a 25.000,00 euro)
  3. Modulo  di richiesta alla Banca in cui va indicato l’ammontare del prestito richiesto, la durata dell’ammortamento e della scadenza.
  4. Modulo di adesione alla Ass di consumatori Aiace.
  5. Codice ATECO 2007 della azienda

Costo della consulenza

Solo se la richiesta va a buon fine

L’Associazione AIACE, in collaborazione con lo Studio Santalco, garantiscono il richiedente e non chiedono nessun importo, riguardo alla consulenza, se non prima la procedura si conclude con esito positivo. L’unica richiesta economica, indipendente dall’esito della pratica, riguarda l’iscrizione all’Associazione di Consumatori AIACE.

€ 150,00 per un prestito fino a

5.000
  • Preparazione della Documentazione
  • Invio del plico alla Banca
  • Interlocuzione Attiva con la Banca
  • Eventuale integrazione di Documentazione

€ 200,00 per un prestito fino a

10.000
  • Preparazione della Documentazione
  • Invio del plico alla Banca
  • Interlocuzione Attiva con la Banca
  • Eventuale integrazione di Documentazione

€ 250,00 per un prestito fino a

25.000
  • Preparazione della Documentazione
  • Invio del plico alla Banca
  • Interlocuzione Attiva con la Banca
  • Eventuale integrazione di Documentazione