STATUTO

TITOLO I – DISPOSIZIONI GENERALI

ART.1
COSTITUZIONE – SEDE – DURATA – DENOMINAZIONE

E’ costituita, con durata illimitata e con sede legale in Roma, un’associazione di diritto civile senza scopo di lucro denominata “Associazione Italiana Assistenza Consumatore Europeo” in breve “AIACE” (d’ora in poi “Associazione”).
L’Associazione è volontaria, libera, autonoma, indipendente, apolitica e apartitica.
Lo spostamento della sede legale all’interno del territorio nazionale non richiede una modifica statutaria.
L’Associazione potrà istituire sedi secondarie e uffici di rappresentanza sia in Italia sia all’estero.
All’Associazione possono aderire tutti coloro che rispecchiano le caratteristiche previste dall’art.3 dello Statuto.
L’Associazione potrà aderire ad organizzazioni ed enti nazionali, comunitari ed internazionali, associazioni di categoria o confederazioni.

ART.2
Scopi e Strumenti

L’Associazione persegue obiettivi di solidarietà sociale quali attività di sostegno, formazione, informazione e tutela di tutti i cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti con particolare riguardo a quelli svantaggiati sul piano economico e sociale, uniformandosi alle norme del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n.206, e successive modifiche e integrazioni.
L’Associazione ispira la propria azione ai principi contenuti nei trattati istitutivi della Comunità europea, nel trattato sull’Unione europea, nella Costituzione italiana, nonchè sulla normativa comunitaria, nazionale e regionale.
Ed ai seguenti principi:
– Indivisibilità dei proventi delle attività anche in forme indirette in nessun caso;
– Reinvestimento dell’eventuale avanzo di gestione a favore delle attività istituzionali statutariamente previste;
– Obbligo di redazione dei rendiconti economico-finanziari;
– Obbligo di devoluzione del patrimonio residuo dopo la liquidazione a fini di utilità sociale in caso di scioglimento, cessazione o estinzione;
– Ordinamento interno ispirato a principi di democraticità;
– Uguaglianza dei diritti di tutti gli associati;
– Elettività cariche associative.
L’Associazione ha come scopo esclusivo la tutela dei diritti fondamentali dei consumatori, risparmiatori ed utenti in genere quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo:
a) Difesa dei legittimi interessi economici e patrimoniali;
b) Assistenza e difesa contro le minacce informatiche;
c) Tutela del risparmio;
d) Contrasto all’usura nell’ambito della legislazione vigente;
e) Tutela della salute;
f) Legalità del mercato;
g) Sicurezza e qualità dei prodotti e dei servizi;
h) Diritto ad una informazione corretta e adeguata;
i) Diritto alla correttezza, trasparenza ed equità nella costituzione e nello svolgimento dei rapporti contrattuali concernenti beni e servizi;
j) Lealtà e chiarezza della pubblicità;
k) Erogazione di servizi di interesse pubblico secondo standard di qualità e di efficienza riconosciuti, con particolare riguardo al servizio sanitario, al servizio postale, alla funzione pubblica di vigilanza e controllo del credito, delle assicurazioni, del mercato mobiliare, del servizio farmaceutico, dei trasporti, delle telecomunicazione e servizi, nonchè in materia urbanistica ed edilizia;
l) Tutto quanto altro possa ascriversi all’impostazione teorica e pratica del cosiddetto “consumerismo”.
L’Associazione persegue tali finalità di promozione sociale attraverso tutti gli strumenti previsti dalla normativa nazionale, regionale e comunitaria, e in particolare attraverso:
1) La promozione di studi ed iniziative giuridiche di orientamento della pubblica opinione, tese all’ attuazione ed alla difesa dei diritti e degli interessi individuali e collettivi dei consumatori e degli utenti dei servizi bancari, postali, assicurativi e comunque gli interessi diffusi dei consumatori ed utenti in genere;
2) La organizzazione di convegni, seminari, incontri di studio, conferenze e dibattiti sulle tematiche inerenti l’oggetto sociale, onde stimolare l’esigenza di trasparenza, anche per il tramite della utilizzazione sinergica dei mezzi di comunicazione di massa e attraverso lo sviluppo di forme di editoria, volte anche alla pubblicazione di un proprio organo di informazione ed altre attività editoriali che resteranno di proprietà dell’Associazione cui potranno applicarsi
le agevolazioni previste per l’editoria sociale ed in particolare dalla legge 281/98 e ss.mm.ii.;
3) L’adesione a strutture esistenti e la promozione di nuove, che esprimano gli interessi dei consumatori nei rapporti con le istituzioni pubbliche e private;
4) La organizzazione in forme comunitarie dei consumatori e degli utenti, al fine di favorire una contrattazione collettiva delle condizioni minime garantite di qualità e di accesso ai servizi indicati;
5) l’azione per ottenere il riconoscimento dei diritti dei cittadini da parte delle amministrazioni pubbliche e degli enti nonchè delle aziende che prestano servizi d’interesse pubblico e il pieno riconoscimento all’Associazione, in qualità di ente esponenziale di collettività di cittadini a livello zonale, provinciale, regionale, nazionale e internazionale, della legittimazione ad agire in giudizio, in tutte le sedi, per la tutela degli interessi patrimoniali e non patrimoniali del cittadino consumatore, risparmiatore ed utente, anche attraverso la assistenza diretta dei consumatori e degli utenti nelle controversie con soggetti produttori e/o erogatori di beni e servizi, pubblici e privati, anche in forza della legittimazione ad agire di cui al Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, onde assicurare ad essi la effettiva possibilità di difendere giudizialmente, sia come singoli che come gruppi, i rispettivi diritti ed interessi individuali e collettivi, e di ottenere inoltre declaratorie di responsabilità dei soggetti produttori e/o erogatori di beni e servizi, in relazione alle modalità ed alle condizioni della produzione ed erogazione stessa, nonchè della partecipazione a pieno titolo in organismi pubblici e privati competenti ad intervenire in materia di consumi, risparmio e utenza;
6) La diffusione, tra i consumatori e gli utenti, della conoscenza delle condizioni e dei criteri di accesso ai servizi in oggetto indicati, con particolare riguardo ai servizi finanziari e creditizi ed in ordine alla misura e variazione dei tassi di interesse delle commissioni bancarie, dei rendimenti e costi in genere, così promuovendo una “domanda di trasparenza” dell’ordinamento settoriale del credito e dei servizi di pubblica utilità;
7) La promozione di ogni azione utile ad impedire, la utilizzazione di risorse energetiche con modalità tali da ledere la natura, l’ambiente e la salute collettiva;
8) L’impegno per sostenere le produzioni alimentari, delle merci, dei servizi In genere, con precise garanzie di qualità e di rispetto delle regole del lavoro, realizzate con tecniche ad alto risparmio energetico, compatibili con la salvaguardia dell’ambiente;
9) Favorire l’accesso dei cittadini anche non abbienti al diritto ed alla giustizia, anche mediante la proposizione di class action, ove consentita dalla Legge;
10) Porre in essere tutte le iniziative sociali, politiche e giudiziarie utili per la tutela dei diritti dei consumatori, dei risparmiatori e degli utenti in generale;
11) Sostenere l’azione dello Stato nell’accertamento delle responsabilità penali in danno di consumatori, risparmiatori ed utenti, curando la sua costituzione di parte civile e più in generale agendo per la difesa dei diritti riconosciuti dal Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206;
12) La promozione della conciliazione come strumento di composizione del contenzioso;
13) l’impegno per sostenere e sviluppare, a tutti i livelli una corretta informazione e un’adeguata formazione del cittadino consumatore, risparmiatore, utente garantendo:
il pluralismo nel settore dei mezzi di comunicazione di massa e dell’informazione; l’accesso alla “società dell’informazione” anche ai cittadini più disagiati socialmente o territorialmente, il diritto all’informazione e all’educazione al consumo responsabile e sostenibile a partire dai programmi della scuola dell’obbligo, fino all’organizzazione di corsi di formazione e aggiornamento per insegnanti e corsi di formazione, aggiornamento e orientamento professionale, in particolare in materia consumeristica;
14) La costituzione di gruppi di acquisto di beni e servizi per ottenere migliori condizioni agli associate;
15) Lo svolgimento, nell’ambito della legislazione vigente, inerente l’oggetto e l’attività sociale, di tutte le operazioni utili al raggiungimento degli scopi statutari.
Per il perseguimento di tutti gli scopi, l’Associazione, ferma restando l’assenza di finalità di lucro, potrà compiere qualsiasi attività economica, mobiliare ed immobiliare ivi incluse le partecipazioni societarie, la costituzione o la partecipazione a società di servizi per l’assistenza ai soci e agli associati.
L’Associazione, ove lo ritenga opportuno per il conseguimento dei propri fini statutari, può stringere alleanze, intraprendere rapporti. federare e aderire ad altre organizzazioni italiane, straniere, comunitarie ed internazionali, le quali si prefiggano scopi analoghi.

ART.3
Soci

L’adesione all’Associazione è libera ed il numero dei soci è illimitato.
Possono diventare Soci dell’Associazione tutti i soggetti, anche giuridici, che, qualificabili come consumatori, risparmiatori e/o utenti in generale ai sensi delle vigenti normative in materia, facciano richiesta di adesione all’Associazione stessa, previo versamento della quota associativa.
La durata della qualifica di socio è annuale o pluriennale, sulla base delle norme regolamentari.
E’ in facoltà del Consiglio Direttivo Nazionale prevedere categorie diverse di soci, ferma la parità dei diritti associativi ai medesimi spettanti.
Ciascun socio appartiene alla sezione presso la quale si è iscritto.
A tutti i soci dell’Associazione verrà rilasciata la tessera di socio riportante il logo dell’Associazione e gli estremi della sezione di appartenenza, in alternativa potrà essere iscritto in via informatica e inserito tra gli elenchi dei soci anche via email senza rilascio di tessera.
Nell’ambito della sezione di appartenenza ciascun socio potrà esercitare i propri diritti di socio senza limitazione alcuna, nei limiti ed alle condizioni previste dalle vigenti normative in materia e dai regolamenti e codici etici emanati dal Consiglio Direttivo Nazionale dell’Associazione.
Ogni socio, ovunque iscritto, gode, sulla base del regolamento approvato dal Consiglio Direttivo Nazionale, dei servizi offerti direttamente sul piano nazionale dall’Associazione.
Possono far parte dell’Associazione anche persone giuridiche, enti in genere quali ad esempio, società, associazioni o fondazioni, anche di fatto, CRAL, gruppi d’acquisto.
Tali enti saranno rappresentati dal proprio rappresentante legale o da persona regolarmente delegata.
E’ fatta salva l’iscrizione individuale all’Associazione da parte dei soci di tali enti.

ART.4
Perdita della qualità di socio

La qualifica di socio viene meno per decesso, dimissioni, morosità o in seguito a provvedimenti disciplinari; l’esclusione ed i provvedimenti disciplinari sono adottati per gravi e giustificati motivi alla luce delle norme statutarie e del Codice Etico dell’Associazione dalla maggioranza assoluta dei componenti del Consiglio Direttivo Sezionale, con effetto immediato. È data la facoltà di ricorso in sede Nazionale avanti al Consiglio Direttivo, con le modalità e nei termini previsti dai regolamenti dell’Associazione.
I soci fondatori non possono essere esclusi dall’Associazione se non dall’Assemblea con il voto favorevole di almeno la metà più uno dei soci aventi diritto al voto. Avverso i provvedimenti di esclusione il socio interessato può proporre ricorso secondo le modalità previste dalla legge.

ART.5
PATRIMONIO DELL’ASSOCIAZIONE

Il patrimonio dell’Associazione è costituito dai beni mobili ed immobili e dai valori che comunque le pervenissero per acquisti, donazioni, successioni, avanzi di bilancio o dalle somme accantonate a qualsiasi scopo, nel rispetto della Legge.
In particolare il fondo comune dell’Associazione è costituito da:
1. Quote e contributi versati dai Soci;
2. Proventi e/o fondi provenienti a qualunque titolo da Enti pubblici o privati, purchè non siano in contrasto con le vigenti normative in materia;
3. Investimenti mobiliari ed immobiliari;
4. Contributi volontari, lasciti, donazioni e/o devoluzioni di beni effettuati in favore dell’Associazione a qualunque titolo.
Tutte le entrate dell’Associazione dovranno pervenire mediante versamenti sui conti correnti bancari appositamente accesi nei limiti previsti dalla normativa.

ART.6
STRUTTURA ORGANIZZATIVA

La struttura organizzativa dell’Associazione si articola nei seguenti livelli:
a) Organi sociali Nazionali;
b) Comitati Provinciali e Regionali;
c) Sezioni territoriali.

ART.7
Regolamento e Codice Etico

Il presente Statuto è integrato dal Regolamento e dal Codice Etico che verranno promulgati dal Consiglio Direttivo Nazionale.

ART.8

RAPPORTI CON ALTRE ASSOCIAZIONI NAZIONALI
Con deliberazione della Giunta Esecutiva, l’Associazione può aderire ad altre associazioni nazionali e/o confederazioni aventi finalità comuni.
L’adesione non può precludere all’Associazione la possibilità di stipulare altri accordi né comportare limitazioni di alcun genere all’autonomia sindacale, organizzativa e/o gestionale dell’Associazione.
I rapporti con le altre associazioni dovranno essere regolati da apposita convenzione, stipulata dal Presidente Nazionale o dal Segretario e ratificata dalla Giunta Esecutiva.

ART.9
SEDI ALL’ESTERO

La Giunta Esecutiva, con propria del