Roma – (Di Esmeralda Trogu) Aumenti bollette gas dal primo ottobre: a quanto ammontano gli aumenti.

Dal primo ottobre, si rischia un raddoppiamento dei costi delle bollette del gas e della luce.
Fino al 30 settembre, il costo dell’energia elettrica è fissato a 0,41 euro al kilowattora. Ma dal primo ottobre, appunto, si rischia di salire a 0,70 euro al kilowattora.

Questo significherebbe un aumento del 178%, rispetto al 2020: le famiglie italiane potrebbero arrivare a pagare più di 3000 euro all’anno di gas e luce.

Aiace ha lanciato una nuova iniziativa di solidarietà sociale chiamata “Pagheremo appena potremo”.

Per partecipare all’iniziativa, bisognerà scaricare un modulo compilarlo in tutte le sue parti e inviarlo alle società di fornitura di gas e luce. Mediante il modulo, il consumatore comunica alla società di poter pagare solo il 20% dell’importo indicato in fattura, perché impossibilitato a sostenere la cifra totale.

L’art.1256 del Codice Civile prevede che, se una prestazione diventa impossibile per una causa non imputabile al debitore ed è solo temporanea, il debitore non deve essere ritenuto responsabile del ritardo del pagamento.

Ma attenzione, la responsabilità rimane personale: dopo due solleciti di pagamento delle bollette insolute, il consumatore dovrà richiedere la rateizzazione prevista dalla legge.